Mercoledì 15 Novembre, presso le aule del Liceo Scientifico A. Antonelli di Novara, è stata presentata la traccia dell’edizione 2018 del premio scolastico a noi tanto caro

23622102_1719209804809560_6576597528338533376_n

 

 

 

 

 

 

 

Lo spunto su cui i ragazzi  che vorranno partecipare al premio dovranno cimentarsi è il seguente:

Ogni essere umano convive con i propri buchi. Vuoti dell’anima, assenze, debolezze e mancanze più o meno consapevoli che inconsciamente e silenziosamente divengono parte integrante del nostro modo di essere, elementi che compongono il nostro paesaggio interiore e che – come tali – contribuiscono alla nostra unicità. Confucio scrisse che “le stelle sono buchi nel cielo da cui filtra l’infinito”, così il pittore Lucio Fontana attraverso i suoi “buchi” squarciava la tela alla ricerca di nuovi spazi, nascosti ed altrettanto infiniti. Allora forse sono proprio le assenze che ci caratterizzano così tanto? Che ci rendono quello che siamo: individui unici? E perché l’impulso ci spinge invece a provare a colmare questi buchi, riempiendoli di azioni, emozioni, persone nella ricerca ultima di ricomporre il tutto, ma con il rischio di intasare la nostra essenza di cose inadatte? L’antica arte giapponese dello Kintsugi ripara le ferite di un oggetto, impreziosendole con cicatrici d’oro o di argento, rendendo così straordinaria la mancanza di una completezza e restituendo una nuova perfezione: che sia questa la strada?
Con lo strumento espressivo che ti è più proprio raccontaci la storia di un vuoto o il modo in cui lo si è potuto colmare.

Ringraziamo di cuore per l’attenzione tutti i ragazzi che hanno partecipato alla presentazione e tutti gli insegnanti e l’istituto per la collaborazione.

Qui potrete scaricare il bando del premio con tutte le indicazioni necessarie:

Bando Premio Marcoli 2018

e qui il modulo di partecipazione:

Modulo d’iscrizione Premio Marcoli 2018

Buon lavoro a tutti coloro che vorranno partecipare, interpretando un tema a noi molto caro e – in qualche modo – fondante per quello che noi stessi siamo.

 

Share to